top of page

IL POTERE DELLA CONDIVISIONE

di Gianni Guasto


Ci fu un tempo della mia gioventù nel quale alla mia mente ritornava spesso una parola di mia invenzione, totalmente priva di significato, che non dicevo a nessuno perché il solo pensiero di pronunciarla in pubblico mi faceva provare un’insopportabile vergogna e una sensazione simile a quella che si prova ascoltando uno stridìo di unghie sopra una lavagna. Era la parola, che ora posso pronunciare senza imbarazzo, “standibecco”.

Un giorno la dissi in analisi, raccontando la pena che mi provocava. L’analista la pronunciò (facendola così diventare una parola condivisa, da oggetto pietrificato e autistico qual era), e tutta l’angoscia si dissolse in un attimo.




In copertina: Francis Bacon, Trittico 2 (1944).


87 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page